“Il bacio del pane” di Carmine Abate

Il bacio del pane è un libro scritto e ideato da Carmine Abate. E’ uno scrittore calabrese che cerca di trasportare i lettori nella realtà che veramente caratterizza la Calabria.
Tramite il suo “racconto” egli fa percepire una visione a tutto tondo dei territori calabresi, rimarcando il fatto positivo di avere sia il mare, sia la montagna a pochi chilometri di distanza.
In questa storia ci sono tre personaggi, completamene opposti tra di loro, che sono: Marta, Francí e Lorenzo.

Franci è un ragazzo calabrese che abita in un paesino di mare e dove ogni anno rincontra gli amici del nord che scendono per le vacanze estive. Ha avuto sempre la passione di scoprire e di scovare nuove cose e infatti, un giorno, fa una scoperta che cambia la sua vita.
Marta è una ragazza del settentrione, scesa in Calabria per le solite vacanze estive.
I due, che in comune hanno sia la compagnia di amici che l’interesse reciproco, fanno un’escursione alla cascata del Giglietto. Qui Francì fa vedere quello che aveva scoperto in precedenza alla sua amica Marta: una pistola e Lorenzo, il barbone che la possedeva.
Nella personalità di Lorenzo si può notare subito un atteggiamento di ambiguità per cui i due ragazzi non riescono ad identificarlo del tutto.
Da quel giorno lì, il vero racconto si incentra su questi tre personaggi che fanno esperienze e si conoscono con il tempo suscitando attimi di suspance e momenti incalzanti.
-Fiorella Morello

Precedente "La Collina del vento" di Carmine Abate Successivo “La felicità dell’attesa” di Carmine Abate

Lascia un commento